Parodontite e Diabete

Parodontite e Diabete

Spesso‚ negli individui che soffrono di patologie croniche come cardiopatie‚ diabete e malattie autoimmuni‚ si manifesta la malattia parodontale.

Le ricerche effettuate negli ultimi anni‚ infatti‚ hanno confermato il forte legame esistente tra la parodontite e le gravi patologie sopracitate.

La malattia parodontale è considerata la sesta complicanza (le altre cinque sono la retinopatia‚ la neuropatia‚ la nefropatia‚ le malattie cardiovascolari e quelle vascolari periferiche) del diabete. Eppure‚ può non essere subito chiara la correlazione tra questi due disturbi che‚ apparentemente‚ sembrano così distanti tra loro.

Il diabete si sviluppa in seguito ad un difetto di produzione o ad un alterato impiego di insulina ed è caratterizzato da un eccesso di zuccheri nel sangue (iperglicemia).
La parodontite è causata da alcune specie di batteri che favoriscono il deposito di placca e tartaro nel cavo orale e il primo sentore è il sanguinamento gengivale; se trascurata‚ poi‚ progredisce‚ provocando mobilità dentale e‚ alla fine‚ la perdita di uno o più denti.

Gli individui diabetici si ammalano più facilmente di parodontite perché il loro livello di difese immunitarie è molto basso: il colletto gengivale è più sensibile alle infezioni batteriche e si infiamma rapidamente. In più‚ l’alterazione del metabolismo glucidico - che è dato dall´insieme di tutti i meccanismi ormonali che intervengono nel controllo degli zuccheri da parte del nostro organismo – modifica il pH salivare‚ favorendo l´accumulo di placca e tartaro dando origine a carie e altri processi infettivi.

È possibile affermare‚ in conclusione‚ che‚ da una parte‚ un controllo attento e costante del diabete consente di ottenere risultati migliori nel trattamento della parodontopatia e che‚ dall´altra‚ un´estrema cura del cavo orale del paziente diabetico migliora il decorso di questa malattia.





Come possiamo aiutarti?